Fava larga di Leonforte

Le fave, a lungo snobbate dall’alimentazione moderna, sono una preziosa fonte di sali minerali e proteine tanto da conquistarsi l’appellativo “ di carne dei poveri”. La loro origine si perde nella notte di tempi, rinvenuta nei villaggi neolitici e nelle tombe egizie di circa 5.000 anni fa. Ancora oggi sono considerate un alimento straordinario e prezioso. In particolare la fava larga, coltivata nel territorio dei comuni di Leonforte, Assoro ed Enna, è un’autentica “ghiottoneria”. Entra a pieno titolo nel paniere dei prodotti tipici della dieta mediterranea ed è uno dei presidi Slowfood. I pregi di questa fava sono stati oggetti di studio e inseriti in testi specializzati. Il legume si presente di facile cottura, gustoso, e poco farinoso. La semina avviene a novembre, e quando la piantina germoglia si zappetta per bloccare  la crescita di erbe infestanti e per evitare l’uso dei diserbanti. Lo sviluppo delle piante con questa tecnica avviene in maniera naturale.

1

servizi gratuiti

N

migliori condizioni

y

altri servizi

le destinazioni

Ravello

Ravello

Secondo la storia Ravello fu fondata da romani in cerca di un luogo sicuro durante un periodo di...

leggi tutto
Amalfi

Amalfi

Le origini di Amalfi sono avvolte nella leggenda. Numerosi, infatti, sono i miti legati alla sua...

leggi tutto

calendario eventi

Contattaci

Trattamento Dati Personali

7 + 10 =