Villa romana del Casale e i suoi mosaici

La Villa romana del Casale è un antico edificio i cui resti sono situati nei pressi di Piazza Armerina, in Sicilia. È Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1997.

La Villa:

La Villa Romana del Casale, con i suoi stupendi mosaici, è uno dei migliori esempi che ci restano di una villa di lusso romana del periodo tardo-imperiale.

Su chi sia stato il proprietario della Villa ci sono diverse ipotesi.

Una di queste, è che la Villa sia stata la residenza di caccia dell’imperatore Massimiano ritiratosi dopo la sua abdicazione. In realtà, alcuni studi sostengono che quest’ultimo si fosse ritirato in Campania e non in Sicilia. Quindi, il proprietario della Villa era stato identificato in Massenzio, figlio di Massimiano.

Nulla fa veramente intendere che la villa di Piazza Armerina fosse una residenza imperiale e gli scavi hanno dimostrato che il possesso di dimore sontuose era un fenomeno molto diffuso e nient’affatto eccezionale nell’alta aristocrazia romana.

Tra le ipotesi più accreditate c’è quella che identifica il proprietario in Lucio Aradio Valerio Proculo Populonio, governatore della Sicilia tra il 327 e il 331 e console nel 340.

Gli scavi:

La scoperta della Villa romana del Casale si deve al lavoro di Gino Vinicio Gentili che nel 1950 iniziò l’esplorazione della zona dopo alcune segnalazioni. Grazie ai mosaici riuscì a datare il periodo storico di corrispondenza della Villa, ovvero, l’età tetrarchica (285-305).

Secondo alcuni studi sulla Villa ed i mosaici la corrispondenza temporale si aggira all’incirca tra il 320-370, come testimonia anche la tecnica di costruzione utilizzate delle volte in tubi fittili di alcuni degli ambienti.

La struttura:

Tra i resti è possibile individuare 4 nuclei:

  1. ingresso monumentale a tre arcate con cortile a ferro di cavallo
  2. corpo centrale della villa, organizzato intorno ad una corte a peristilio quadrangolare, dotata di giardino con vasca mistilinea al centro
  3. grande spazio, preceduta da un peristilio ovoidale circondato a sua volta da un altro gruppo di vani
  4. complesso termale, con accesso dall’angolo nord-occidentale del peristilio quadrangolare

I mosaici:

La particolarità della Villa del Casale, oltre ad essere una delle più lussuose, è la presenza di mosaici rimasti in ottima qualità.

I mosaici sono un vero e proprio tesoro che ci dà una ulteriore testimonianza delle abitudini di vita dei romani.

Sono circa 3.500 i metri quadri di superficie ricoperti da mosaici in perfetto stato, forse eseguiti da maestri africani. È possibile dividere le scene rappresentate in due filoni stilistici e narrativi riconducibili probabilmente a due esecutori differenti: il primo, più classico, si dedicò principalmente alla rappresentazione di scene epiche e legate alla mitologia, mentre il secondo posò il suo sguardo sulla vita quotidiana e domestica e sulla riproduzione fedele di animali e piante.

Tra i mosaici presenti, uno dei più grandi è quello che si trova nel “Corridoio della caccia”. Nella parte più a nord si vedono tessere quadrate molto regolari e pochissima maiolica e i colori usati sono circa venticinque; nella parte sud, le tessere sono meno precise e spesso affiancate a pezzi di roccia, i colori usati sono soltanto una quindicina.

Negli appartamenti padronali, quello che si trova più a nord è il più piccolo e meno decorato perché forse apparteneva alla padrona o al figlio del padrone della villa; quello più a sud, invece, è visibilmente più grande e maggiormente decorato. Uno dei mosaici che cattura maggiormente l’attenzione tra quelli presenti negli appartamenti vede protagonista Polifemo.

Un altro ambiente certamente interessante è quello del complesso termale raggiungibile dall’ingresso. Suddiviso in: frigidarium, tepidarium e calidarium. Nel frigidarium sono rappresentati Eroti pescatori che interagiscono con Nereidi e Tritoni. Nelle nicchie è raffigurata la mutatio vestis, ovvero personaggi che si vestono e si svestono, probabilmente per indicare la funzione di spogliatoio di quell’ambiente.

Uno dei mosaici più famosi, è quello delle ragazze in bikini. Questo mosaico raffigura la libertà di cui godevano le donne patrizie romane, erano libere di poter curare la loro forma fisica eguagliando gli uomini.

Contattaci

Trattamento Dati Personali

3 + 10 =