L’Anfiteatro di Catania ed il mistero della scolaresca scomparsa

Catania raccontata

Catania è un’antica città portuale che si trova sulla costa orientale della Sicilia.

È situata ai piedi dell’Etna e la centrale della città (piazza del Duomo), è abbellita dalla Cattedrale e dalla statua della Fontana dell’Elefante. Nell’altro angolo della piazza, si trova il mercato del pesce: “La Pescheria” circondato da ristoranti che servono esclusivamente pesce. Nei giorni feriali in cui si tiene il mercato è un gran vociare di gente che vende e di chi acquista o solo girando fra i banchi incontra altra gente.

Le origini di Catania

Secondo Santi Correnti, il nome “Catania” deriva da Katàne. Questo è confermato anche  dalla storia catanese in quanto racconta che nell’antico siciliano esiste una parola che suona come “Katàne“com’era chiamata dai greci. Il termine deriva da “grattugia”in quanto si rifà all’aspetto del suolo catanese fatto di terra lavica ruvida e tagliente.

Catania non è solo storia ma anche misteri. Infatti una parte di Catania, poco conosciuta, nasconde nei suoi sotterranei dei misteri e dei segreti.

Catania ed i suoi misteri

La zona vecchia di Catania custodisce un Anfiteatro unico al mondo conosciuto come “Il Colosseo nero” nei cui cunicoli si nasconde un segreto: il mistero della scolaresca scomparsa.

 

Storia del “Colosseo nero”

Catania nei secoli III e VI secolo d.C. splendeva di luce propria e lo si nota anche attraverso l’Anfiteatro romano nelle zona vecchia di Catania.

Fontane, ville e i giardini che circondavano il “Colosseo nero” dimostravano che Catania non aveva nulla da invidiare a Roma ed al suo Colosseo.

“Il Colosseo nero” era situato fra mare e vulcano realizzato in pietra lavica e ricoperto internamente da marmi pregiati. Ma non era visitabile per intero perchè una parte fu sommersa dalle colate di lava dell’Etna e, quindi, tutt’ora non è ancora aperta al pubblico.

In questo Anfiteatro si tenevano spettacoli di tutti i generi.

Il “Colosseo nero” e la scolaresca scomparsa

Sui misteri che circolano su Catania, la più conosciuta, è quella che negli anni ’80, una scolaresca scomparve durante una visita all’interno dell’Anfiteatro.

Ma che fine ha fatto la scolaresca?

La leggenda racconta che i ragazzi, dopo che hanno visitato la parte aperta al pubblico, decisero di avventurarsi nella parte sotterranea ma…Le ricerche furono istantanee ma non c’era traccia di loro: mai nessuno fu più ritrovato.

Furono fatte tante ipotesi ma ad oggi nessuno è riuscito a risolvere questo mistero.

Qualcuno dice che, quando si attraversano quei cunicoli, si sentono voci, pianti e grida di adulti e bambini. Superstizioni e suggestioni o esistono veramente dei sotterranei segreti di cui nessuno conosce l’esistenza?

Conclusioni
Fino a quando non si avrà la certezza su tutto si continuerà a credere a quello che si sa fino ad ora.

Contattaci

Trattamento Dati Personali

3 + 9 =