Itinerario a piedi tra i Sassi di Matera

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Viaggiando ci imbattiamo in posti unici che regalano emozioni indimenticabili: Matera, nota ai più come la città dei Sassi, è uno di questi. La sua genuina bellezza ha ammaliato numerosi registi del calibro di Pasolini (Il Vangelo secondo Matteo) e Mel Gibson (The Passion) che l’hanno utilizzata come set cinematografico di numerosi film.

[/vc_column_text][vc_single_image image=”17167″ img_size=”full”][vc_column_text]

Matera è un posto unico che vale davvero la pena vedere quando si visita la Basilicata

QUANDO

Tutto l’anno

DURATA

Tre ore per una rapida visita ai Sassi, ma vi consigliamo di trascorrere a Matera l’intera
giornata, per visitare le chiese rupestri e i musei

IL NOSTRO CONSIGLIO!

Dotatevi di scarpe comode. Il percorso è a piedi, ad eccezione della visita alla Cripta
del Peccato Originale che si trova a 14 chilometri circa dal centro abitato.

[/vc_column_text][vc_single_image image=”17125″ img_size=”full”][vc_column_text]

PUNTO DI PARTENZA: PIAZZA PASCOLI

Un possibile punto di partenza della visita del centro storico di Matera è Piazza Pascoli una finestra naturale aperta su una vista stupefacente dei due rioni dei Sassi. Da qui è possibile raggiungere a piedi diversi siti particolarmente interessanti dal punto di vista storico e artistico. Non potete lasciare Matera senza aver fatto visita a queste 5 destinazioni!


PRIMA TAPPA: CASA NOHA

Una casa museo che grazie ad una attenta ricostruzione degli ambienti e all’utilizzo di arredi e utensili originali ci permette di capire come si viveva in quegli ambienti in passato. Si trova a due passi dal Duomo e al suo interno ospita un museo multimediale che racconta al visitatore la storia della città, dalla Preistoria ad oggi.


 SECONDA TAPPA: PIAZZA DI SAN PIETRO CAVEOSO

Questa piazza prende il nome dalla chiesa rupestre dedicata a San Pietro che si erge su un blocco di roccia che offre allo spettatore un sublime panorama sullo strapiombo della Gravina, uno dei paesaggi tipici della Murgia.


TERZA TAPPA: CHIESE RUPESTRI DELLA MADONNA DELL’IDRIS E DI SAN GIOVANNI

Queste chiese formano un unico complesso all’interno di un masso roccioso, fondendosi con lo scenario naturale e creando un effetto incredibilmente suggestivo.

La chiese della Madonna dell’Idris e di San Giovanni in Monterrone fanno parte del Parco delle Chiese Rupestri che conta circa 150 chiese grotte, dislocate tra i Sassi e l’altopiano della Murgia materana. Furono realizzate da monaci bizantini i quali ricavarono i loro ambienti personali e di culto scavando nella roccia tufacea e affrescando gli interni con immagini di santi.


QUARTA TAPPA: LA CATTEDRALE

La cattedrale della Madonna della Bruna e di Sant’Eustachio è il luogo di culto cattolico principale di Matera. L’edificio, di stile romanico-pugliese, fu costruito nel XIII secolo sullo sperone più alto della Civita (il nucleo più antico della città) che divide i due Sassi. Meritano una visita anche la Chiesa di San Francesco d’Assisi e la Chiesa del Purgatorio.


QUINTA TAPPA: CRIPTA DEL PECCATO ORIGINALE

Non potete concludere la vostra visita alla città di Matera senza aver fatto visita alla Cripta del Peccato Originale, a circa 14 chilometri dal centro abitato, in località Pietrapenta in Agro di Matera.

La chiesa è conosciuta anche come “La Cappella Sistina” della Basilicata grazie ai suoi splendidi affreschi raffiguranti episodi della Genesi.


DA VEDERE, PRIMA DI LASCIARE MATERA…

Matera è anche sede di musei che possono essere inclusi nella visita della città. Si può scegliere tra il Museo Archeologico Nazionale “Domenico Ridola”, il Museo Nazionale di Arte Medioevale e Moderna e il Musma, Museo della scultura contemporanea.[/vc_column_text][vc_single_image image=”17087″ img_size=”full”][/vc_column][/vc_row]

Contattaci

Trattamento Dati Personali

6 + 10 =