How to: mangiare ad Alberobello
GRAND TOUR BLOG | 7 Dicembre 2018

How to: mangiare ad Alberobello

mangiare ad Alberobello

How to: mangiare ad Alberobello ancora A&A Travel questa volta consigli per mangiare ad Alberobello.

Adesso, dopo aver visitato tutto il sito, perché non andare a ricaricare le energie in un buon ristorante? Ecco dove mangiare ad Alberobello.

La cucina alberobellese rispecchia la tipicità dei piatti pugliesi. Di fatti, non è difficile imbattersi, lungo la scoperta del paese, in piccole botteghe di alimentari che espongono confezioni di orecchiette fresche, olio EVO di qualche frantoio vicino o qualche bottiglia di vino di una vicina cantina locale. Verso l’ora di pranzo il paese si inebria di odori tipici della cucina che ti fanno venire un dolce languorino, ma… Dove andare a mangiare? Bene, vogliamo proporvi giusto qualche ristorante dove poter allietare la vostra fame con cucina tipica pugliese. Ciò che cambia è solo il tipo di location.

Avete voglia di mangiare nei trulli? “La Nicchia” e “Il Trullo d’Oro” sono ciò che fa per voi. Il primo presenta “la tipica cucina della nonna”: buono, abbondante e molto rustico. È il tipico locale in cui si respira e si tocca con mano il tipico calore e la famigliarità della gente pugliese. Qualora vogliate, invece, pranzare in un ambiente sempre accogliente ma lievemente più formale, la seconda scelta risulta la più idonea.

Qualora invece vogliate pranzare di gusto, il ristorante Fidelio farà sicuramente a caso vostro. Cucina tipica riproposta in una chiave più moderna ma sempre gustosa e abbondante. L’ambiente ristrutturato e il curatissimo giardino esterno renderanno il vostro pranzo davvero gradito.

Se ciò che cercate è, invece, un’esperienza di buona cucina immersi nella natura, allora potrete scegliere di pranzare a “Le Arcate”. A circa 3km dal paese, a cavallo con la provincia di Taranto, immerso nelle campagne della Valle d’Itria e a pochi passi dal “Bosco Selva” (piccolo bosco del territorio alberobellese), questo locale è la scelta giusta. Ottimo rapporto qualità prezzo, abbondanza delle porzioni dove familiarità e cordialità la fanno da padroni.

Le nostre scelte non rispecchiano i vostri gusti? Tranquilli, in paese ci sono tante altre attività ristorative… non limitatevi!

How to: Curiosità su Alberobello

Girando per il paese, avrete di certo notato un’altra chiesa oltre la parrocchia Sant’Antonio. Ci stiamo riferendo alla Basilica dei Santissimi medici Cosma e Damiano.

Dovete sapere che i Santi medici sono i patroni di Alberobello e vengono festeggiati i giorni 27 e 28 Settembre. Le origini del loro culto risalgono alla seconda metà del Seicento, quando, nella comunità feudataria dell’epoca, i conti Acquaviva d’Aragona di Conversano “battezzarono” i contadini con un minuscolo quadro della Madonna di Loreto e dei due Santi. Si partì, dunque, con una piccola chiesa in loro onore, sino ad arrivare all’attuale Basilica, dopo gli ultimi restauri circa due secoli fa.

La Basilica si erge su tutto l’abitato con i suoi due vistosi campanili, seppur non eccessivamente elevati. Visibile dal rione trulli, essa, in occasione dei festeggiamenti dei Santi, diventa meta dei pellegrini provenienti dai paesi limitrofi. Usanza vuole che, la notte tra il 26 ed il 27 Settembre, i devoti raggiungano a piedi la Basilica, dove, la mattina, si svolgerà la Santa Messa. Per l’occasione il paese si illumina grazie alle luci delle tipiche luminarie per tutta la durata dei festeggiamenti, che terminano con grandiosi fuochi pirotecnici.

Alberobello riesce sempre ad incantare tutti, anche noi viaggiatori seriali.

I nostri “how to” sono finiti, adesso inizia la vostra avventura alla scoperta di questo borgo fantastico.

Buon viaggio!

Autori:  Adriana e Alessandro (A&A Travel)

Adrialetravel: https://adrialetravel.it/

Facebookhttps://www.facebook.com/adrialetravel/

Instagramhttps://www.instagram.com/adrialetravel/