Caltanissetta, la storia della Sicilia tra chiese, castelli e musei

Caltanissetta è una città dell’entroterra siciliano, che custodisce una lunga storia. La sua ricchezza è tutta racchiusa nelle sue chiese, nel castello e nei musei. È una tappa obbligatoria, per chi è in viaggio alla scoperta della Sicilia.

La ricerca delle migliori attrazioni della città parte dal Duomo di Santa Maria La Nova, il principale luogo di culto di Caltanissetta, costruito a partire dal 1560 e aperto al pubblico dal 1622.

Il nome deve le sue origini all’esigenza di distinguere il nuovo edificio dalla preesistente chiesa di Santa Maria, ubicata nei pressi del Castello di Pietrarossa e risalente al ‘300, che venne poi soprannominata Chiesa di Santa Maria La Vetere.

La maestosa cattedrale, simbolo dell’arte antica e moderna che domina Piazza Garibaldi, è affiancata da due campanili e da una cupola imponente, al suo interno ognuna delle 14 arcate è dedicata a un personaggio dell’Antico Testamento e vi si possono ammirare opere fiamminghe.

Oltre al duomo, un altro luogo di culto merita di essere visitato: è la Chiesa di Sant’Agata al Collegio, considerata la più bella e artistica della città.

Ubicata in Corso Umberto e risalente al ‘600, fu edificata dall’ordine dei gesuiti e si contraddistingue per la facciata di colore rosso vivace e per gli interni sfarzosi. L’ampio cortile che ospitava il collegio, oggi la sede della biblioteca comunale.

Un edificio ugualmente famoso a Caltanissetta è l’Abbazia del Santo Spirito, costruita agli inizi dell’anno 1000 per volere del Gran Conte Ruggero. Affidata ai frati agostiniani, l’abbazia presenta una commistione di stili e di epoche evidenti a partire dalla fonte battesimale di fattura normanna e l’affresco di Cristo Pantocratore, in richiamo all’arte tipica bizantina.

Dai luoghi di culto ai quelli simbolo di Caltanissetta

Il simbolo di Caltanissetta è il Castello di Pietrarossa: è l’edificio più antico della città, risalente al lontano Medioevo.

È uno dei più importanti e imponenti castelli della Sicilia costruito nel XI secolo. Si trova nei pressi dell’antico quartiere arabo e domina sulla valle del fiume Salso, regalando un panorama dall’alto che include la città e tutta la vallata attorno.

Non è certo chi abbia abitato il castello nel passato, sicuramente aveva una funzione militare e fu dominato dai Sicani, poi dai Romani e dopo dagli Ostrogoti. Fu sede dei tre Parlamenti Generali di Sicilia e infine passò alla famiglia Moncada.

Una gran parte di storia di Caltanissetta è conservata al Museo Archeologico Regionale, dove è esposta una collezione di 5000 reperti archeologici, soprattutto in bronzo e ceramica, provenienti da insediamenti e siti archeologici della zona.

Alcuni di questi risalgono alla preistoria e molti dei ritrovamenti provengono dal Castello di Pietrarossa.

Un altro luogo cult di Caltanissetta è il mercato di Strada ‘a foglia, lo storico mercato ortofrutticolo risalente al 1500, oggi noto anche per la vita notturna e la possibilità di gustare il tipico cibo da strada. Deve il suo nome ai fogliamari che qui vendevano le verdure, alle quali veniva applicata una tassa chiamata “foglia”.

Contattaci

Trattamento Dati Personali

7 + 15 =